24/12/2021


Nel caso in cui venga comunicato un licenziamento per il mancato superamento di un inesistente periodo di prova (conseguente alla mancata sottoscrizione del relativo patto) ben può dirsi integrata l'ipotesi di una motivazione inesistente, che determina l'illegittimità del recesso e l'applicazione - nell'ipotesi di un rapporto di lavoro regolamentato dal Jobs Act- dell'art. 3 comma 2 di tale norma (reintegrazione nel posto di lavoro e risarcimento del danno fino ad un massimo di 12 mensilità di retribuzione)


Licenziamento per mancato superamento del periodo di prova - Nullità del patto per inesistenza dellatto scritto - Regime del Jobs Act- Reintegrazione nel posto di lavoro e risarcimento del danno ex art. 3 comma 2 D.Lgs. n. 23/2015

← Torna alle Novità