02/08/2021


In tema di responsabilità per i danni cagionati da cose in custodia, la pioggia intensa e persistente, tale da assumere il carattere dell’eccezionale intensità, non può costituire un evento rientrante nel caso fortuito o nella forza maggiore, soprattutto in epoche, come quella attuale, in cui i dissesti idrogeologici richiedono maggior rigore. Nel caso di specie, il Tribunale ha escluso il caso fortuito per i danni lamentati dagli attori, consistenti nella distruzione del fabbricato colonico, nella perdita del requisiti di edificabilità dei terreni e nei costi necessari alla bonifica dei siti, dovuti a episodi franosi causati dalla rottura del collettore fognario che aveva riversato sui terreni una grande quantità di acque maleodoranti.


danni cose custodia eventi meteo caso fortuito

← Torna alle Novità